Vetreria Edile Vetro

Vetreria Edile Vetro a Torino, il vetro come elemento decorativo nel campo dell’arredamento, il vetro per ogni esigenza!
Commercio, lavorazione e posa in opera di vetri, specchi, cristalli e pellicole.
ORARI: Lun-Ven 8-12 e 14-19
Sabato mattina su appuntamento

Archivio blog

mercoledì 29 marzo 2017

VETRATA DIVISORIA ZONA BAGNO/CAMERA DA LETTO

Divisione bagno/doccia/bagno turco in Madras Nuvola extra chiaro con parti metalliche per ante a battente e ante scorrevoli





martedì 29 novembre 2016

giovedì 3 novembre 2016

TRATTAMENTO IDROREPELLENTE ANTICALCARE PER VETRO FLOAT: SIOX – 5 C 

SIOX-5 C è un protettivo inorganico, ideale per superfici vetrose, compatte e non assorbenti.
> Aumenta la resistenza chimica del materiale.
> Protegge la superficie da degrado in ambiente esterno.
> Sana i difetti microstrutturali
Il vetro è considerato un materiale liscio e compatto. Tuttavia a livello microscopico presenta rugosità e microporosità in grado di trattenere impurità e rallentare la velocità di scorrimento dell'acqua sulla superficie. Il vetro esposto in ambiente esterno e/o sottoposto a frequente dilavamento è soggetto al deposito di calcare. La rimozione del calcare, ed in generale la pulizia del vetro, richiedono operazioni lunghe e l'ausilio di prodotti acidi in grado di aggredire chimicamente i depositi superficiali. Col passare del tempo il vetro si opacizza e perde le sue caratteristiche estetiche.
VANTAGGI DEL TRATTAMENTO SIOX-5 C

SIOX‐5 C è un trattamento in grado di proteggere il vetro creando uno strato liscio, denso e compatto, della stessa natura chimica della superficie. Il trattamento incrementa le caratteristiche idrorepellenti con minore permanenza dell'acqua a contatto con la superficie. Si riduce di conseguenza la possibilità di formazione di calcare. Le operazioni di pulizia e manutenzione sono quindi agevolate poiché eventuali depositi sono facilmente rimossi senza impiegare metodi e prodotti aggressivi per il materiale e pericolosi per gli operatori.
  • Aumenta l'idrorepellenza del materiale
  • Impedisce al calcare e alle impurità di penetrare nelle irregolarità
  • Non sono necessari detergenti/metodi aggressivi per la pulizia
  • Le operazioni quotidiane di pulizia e manutenzione risultano più semplici e rapide
  • Il protettivo resiste ai raggi UV ed al calore
  • La superficie risulta asciutta al tatto dopo pochi minuti
MECCANISMO DI AZIONE
L'azione protettiva del coating SIOX-5 C agisce attraverso la modifica della rugosità media superficiale del vetro (RMS). Il trattamento infatti rende la superficie del vetro più omogenea e liscia, riducendo di conseguenza la superficie specifica esposta all'acqua e alle sostanze chimiche come di seguito schematizzato.
Una minor superficie specifica riduce il numero di gruppi ossidrilici, ovvero quei gruppi chimici che rendono una superficie affine all'acqua. Diminuendo questi gruppi si ottiene un effetto idrorepellente permanente, che impedisce all'acqua di aggrappare e depositare sporco e calcare da essa veicolati.
Diminuendo la superficie specifica si ha un substrato più liscio ed omogeneo, senza quei microdifetti che tendono ad intrappolore sporco ed impurità e che col tempo opacizzano il vetro. Il calcare non ha modo di aggrappare, ma resta in superficie ed è facilmente asportabile.
SIOX-5 è una tecnologia sviluppata nei laboratori dell'Università di Padova, che permette di proteggere i materiali rivestendoli con strati molecolari di silice (la componente fondamentale del vetro e del quarzo).
I prodotti della gamma SIOX-5 sono gel liquidi di silice a pH neutro, basati su tecnologia sol-gel. Una volta applicati, i gel formano uno strato sottile, incolore e trasparente di silice vetrosa.
Il processo avviene a temperatura ambiente e nel massimo rispetto delle superfici trattate. Lo spessore nanometrico protegge senza alterare le caratteristiche estetiche dell'oggetto rivestito.
I formulati da noi proposti sono di facile impiego, non richiedono trattamenti termici o atmosfere controllate, possono essere impiegati su materiali in opera o inseriti in linea produttiva.
PROCESSO SOL-GEL
Strati sottili di vetro molecolare

Il processo sol-gel è una tecnica che consente di sintetizzare materiali ceramici come la silice, materiale che richiederebbe cotture superiori ai 1000°C, con un processo semplice, rapido e a temperatura ambiente.
SOL
Il sol, la soluzione di partenza, è una sospensione colloidale di particelle creata a partire da reagenti chimici, selezionati per grado di purezza al fine di garantire il miglior risultato finale. 
WET GEL
Trasformiamo il sol in un gel, attraverso un nuovo processo che mantiene la soluzione a pH neutro ed evita l'impiego di sostanze aggressive come catalizzatore.            
FILM DI XEROGEL
Il gel SIOX-5 si può facilmente applicare alle superfici formando un sottile film di silice vetrosa ad elevata purezza, che risulta asciutto al tatto dopo pochi minuti e che riveste in modo uniforme il materiale.
FILM DENSO
Le caratteristiche del film migliorano col tempo. La densificazione non richiede trattamenti termici ma avviene naturalmente, raggiungendo la completa stabilità dopo 72 ore dal trattamento.




giovedì 27 ottobre 2016

Piani in vetro Madras® antigraffio Ecosat No-Scratch:

Tavoli, top cucina e bagno, banchi reception, piani d’appoggio e di lavoro, sono soggetti quotidianamente al contatto con strumenti e oggetti che a lungo andare li danneggiano con graffi e segni permanenti. Il vetro Madras® Ecosat No-Scratch è la soluzione più innovativa al riguardo.
La sua superficie finemente texturizzata e brillante ha una resistenza certificata ai graffi molto elevata e alle macchie.
Temperabile, verniciabile, argentabile, risponde perfettamente a ogni esigenza di trasformazione e permette di realizzare piani anche di grandi dimensioni per integrarsi al meglio in ogni ambito progettuale privato, pubblico o di lavoro.
Infine, Ecosat No-Scratch è bello da vivere: cristallino e “caldo” insieme, è estremamente piacevole al tatto e facilissimo da pulire: non assorbe e non si macchia, ed è quindi a prova d’impronta...
Caratteristiche tecniche
– Materiale base: vetro float secondo norma UNI EN 572-1,2: 2004
– Resistenza ai graffi certificata a norma UNI 9428:1989 (livello 5)
– Resistenza alle macchie certificata a norma UNI EN 438-2:2005 e UNI EN 12720:2009
– Colore: chiaro, extrachiaro
– Sono ammesse tutte le lavorazioni meccaniche e termiche del vetro


lunedì 5 settembre 2016

VETRO VERNICIATO: LINEA AGC

La rinnovata gamma Lacobel e Matelac 2020 di AGC è adesso disponibile in 20 colori di tendenza per ciascuna versione. I nuovi colori attentamente selezionati, destinati a tracciare la strada da qui al 2020, miglioreranno gli arredamenti d’interno, rendendo possibile combinare effetti opachi e lucidi.

Tre linee per trovare l’ispirazione!


Lacobel e Matelac sono adesso disponibili in tre linee diverse per facilitare la scelta:
  • The Classics comprende colori senza tempo, come White Soft e Black Classic.
  • The Trendies offre colori naturali che sono attualmente “in voga”, incluse le nuove tonalità Green Soft, Green Sage e Red Terracotta.
  • The Exclusives comprende tonalità argentate, metallizzate o tenuamente brillanti, disponibili unicamente da AGC. Gli ultimi arrivi in questa linea sono Lacobel Copper Metal e Lacobel Brown Starlight, che integrano perfettamente Matelac Brown Walnut.
È ora possibile testare i nuovi colori con un semplice clic

È infatti possibile giocare con i nuovi colori grazie al nostro nuovo Visualizzatore Deco Glass online: www.yourglass.com/decoglassvisualiser. Si può praticamente cambiare il colore delle pareti e degli arredi in vetro secondo due scenari predefiniti, così da rendersi subito conto di come la finitura lucida e opaca reagisce con l'illuminazione naturale e artificiale.

mercoledì 6 luglio 2016

venerdì 25 marzo 2016

VETRO STRATIFICATO TEMPRATO, ESEMPIO 

APPLICAZIONE






















Riparo scala in stratificato 55.4 temprato con parti metalliche satinate

venerdì 11 marzo 2016

VETRATE TAGLIAFUOCO RE E REI, DIFFERENZE

Le porte e le vetrate tagliafuoco sono soggette ad una Normativa REI (UNI 1364) che ne descrive le caratteristiche. Innanzi tutto è doveroso premettere cosa si intende per resistenza al fuoco. Per resistenza al fuoco si intende che durante le condizioni di incendio e/o temperatura elevata, il prodotto tagliafuoco ha la capacità di mantenere inalterati, per un tempo prefissato, alcuni parametri funzionali.

I parametri della Normativa REI sono:

R – la resistenza: è la predisposizione nel conservare la resistenza meccanica sotto l’azione del fuoco;
E – l’ermeticità: è la predisposizione a non lasciar passare né produrre fiamme, vapori o gas caldi sul lato non esposto;
I – l’isolamento termico: è la predisposizione a ridurre la trasmissione del calore.

Da questa “combinazione” deriva la sigla REI che identifica quindi il tempo in minuti che un elemento (es. porta, vetrata) garantisce in relazione alle prestazioni tagliafuoco.

Con il simbolo REI, seguito da un numero X, si identifica un elemento costruttivo che conserva per un tempo determinato X la resistenza meccanica, la tenuta alle fiamme e ai gas caldi, l’isolamento termico;
Con il simbolo RE, seguito da un numero X, si identifica un elemento costruttivo che conserva per un tempo determinato X la resistenza meccanica e la tenuta alle fiamme e ai gas caldi;
Con il simbolo R, seguito da un numero X, si identifica un elemento costruttivo che conserva per un tempo determinato n la resistenza meccanica.

Il numero X indica la classe di resistenza al fuoco.
Normativa REI: le classi di resistenza

Le classi di resistenza al fuoco sono: 10, 15, 20, 30, 45, 60, 90, 120, 180, ed esprimono il tempo in minuti durante il quale la resistenza al fuoco deve essere garantita. Ogni produttore deve rispettare una serie di obblighi per certificare che i propri prodotti tagliafuoco siano effettivamente a norma.

Garantire le caratteristiche del prodotto emettendo una dichiarazione i conformità;
Applicare su ogni porta il marchio di conformità in modo che sia indelebile;
La marcatura CE permetterà di migliorare questo sistema di qualità sostenuto dalla Normativa REI.

I vetri antincendio resistenti al fuoco appartenenti alla classe di resistenza RE, o vetri parafiamma, in caso di incendio mantengono integre le caratteristiche di resistenza meccanica (R) e sono in grado di opporre resistenza al calore delle fiamme e dei gas caldi (E). la durata della resistenza viene indicata in minuti dal numero posposto alla sigla (15, 30, 60, 90, 120 o 180), la classe di resistenza delle vetrate RE corrisponde alla nuova sigla E.

I vetri resistenti al fuoco individuati dalla classe di resistenza REI, o vetri tagliafuoco, oltre a mantenere le caratteristiche di resistenza meccanica (R) e di tenuta alle fiamme ed ai gas caldi (E) in caso di incendio, garantiscono l’isolamento termico (I) del lato esposto al fuoco rispetto a quello non esposto. Oggi chiamate EI, in base alle nuove normative europee, le vetrate tagliafuoco non REI appartengono alla classe più elevata di protezione antincendio: la sigla REI indica infatti il livello massimo di resistenza al fuoco che può essere ottenuto da elementi di compartimentazione, ivi comprese le vetrate, le pareti divisorie in vetro, i serramenti, le porte e le finestre.


mercoledì 2 marzo 2016


La nostra vetreria offre il servizio di creazione su misura per qualsiasi necessità. 

Non mancano nella nostra produzione la realizzazione dei classici prodotti in vetro e servizi.

La ns. Vetreria offre il proprio servizio di sostituzione e riparazione vetri in tutta Torino e provincia, in particolare serviamo Torino zona Crocetta, Torino zona Santa Rita, Torino zona Mirafiori, Torino zona Centro, Torino zona San Paolo, Torino zona Parella, Torino zona San Salvario, Torino zona Collina, Torino zona Pozzo Strada, Torino zona Lingotto, Torino zona Cenisia, Torino zona cit Turin ecc...

lunedì 15 febbraio 2016

Stampa digitale ad alta definizione su vetro

Possiamo ottenere molteplici effetti di coprenza/semi coprenza o assoluta trasparenza non solo utilizzando diversi tipi di vetro ma anche attraverso i nuovi inchiostri in quadricromia + bianco, alcuni esempi:

DECORAZIONE SU VETRO LUCIDO CON PARTE TRASPARENTE (GAMBO) E PARTE COPRENTE (FIORE) BIFACCIALE










DECORAZIONE SU VETRO LUCIDO IN QUADRICROMIA TRASPARENTE CON PARTI COPRENTI BIFACCIALI









IMMAGINE FOTOGRAFICA BIFACCIALE SEMICOPRENTE SU VETRO LUCIDO










QUADRICROMIA COPRENTE SU SPECCHIO











DECORAZIONE SU VETRO LUCIDO, TEXTURE LEGNO SAGOMATO, DECORAZIONE COPRENTE BIFACCIALE









VETRO LUCIDO, DECORAZIONE COPRENTE BIFACCIALE, QUADRICROMIA + BIANCO COPRENTE A INTENSITA' COSTANTE









ETRO LUCIDO, DECORAZIONE COPRENTE A INTENSITA' COSTANTE










VETRO LUCIDO, DECORAZIONE CON BIANCO COPRENTE, GRAFICHE IN NEGATIVO










VETRO LUCIDO, QUADRICROMIA COPRENTE BIFACCIALE CON BASE BIANCA COSTANTE, RIPRODUZIONE TEXTURE MARMO









VETRO LUCIDO, QUADRICROMIA COPRENTE BIFACCIALE CON BASE BIANCA COSTANTE, TEXTURE TESSUTO









DECORAZIONE SU VETRO ACIDATO CON BIANCO COPRENTE, TEXTURE EFFETTO "RETINO SERIGRAFICO"